Mappatura dei nei eseguita con dermatoscopio manuale

Salvati la pelle! La dott.ssa Barisani illustra in cosa consiste la mappatura dei nei

La mappatura dei nei è un esame fondamentale per la prevenzione dei tumori della pelle. Ciò nonostante, chi non ha mai effettuato questa visita è spesso poco informato sulle reali modalità della mappatura. Alcuni pazienti immaginano di essere sottoposti a una scansione totale, centimetro per centimetro, con macchinari in grado di registrare e analizzare ogni singolo neo.

Come funziona la mappatura
Per chiarire in cosa consiste effettivamente la mappatura, ci siamo rivolti alla dott.ssa Alessia Barisani, dermatologa presso il Centro Medico Galilei e l’Ospedale Sant’Orsola: “La mappatura dei nevi, comunemente chiamati nei, si svolge utilizzando il dermatoscopio manuale, un piccolo strumento ottico che consente di osservare e valutare le caratteristiche dei nei. Qualora uno o più nei risultino meritevoli di un approfondimento, viene collegato un apparecchio fotografico al dermatoscopio per salvare le immagini per un successivo controllo. Soltanto i nei potenzialmente pericolosi vengono fotografati, mentre quelli che fin dalla prima visita presentano anomalie importanti vengono immediatamente indirizzati all’asportazione chirurgica“.

Caratteristiche sospette
Quali sono gli aspetti dei nei da tenere d’occhio? “Bisogna innanzitutto valutare le caratteristiche dei margini del neo, la distribuzione del pigmento, la vascolarizzazione, ed esaminare eventuali anomalie come l’asimmetria della forma o la disomogeneità nel colore o nella distribuzione della melanina, le anomalie nei bordi della lesione o la presenza di vasi atipici o di una velatura grigiastra“.

Controlli periodici
Con quale frequenza sarebbe opportuno effettuare un controllo dei nei? “Per gli adulti è buona norma effettuarlo annualmente, salvo casi particolari che verranno indicati al paziente di volta in volta. In ogni caso, è importante iniziare a fare regolari controlli a partire dalla pubertà. Un ultima raccomandazione è quella di eseguire il controllo dei nei sulla cute non abbronzata, perché l’abbronzatura potrebbe fare sembrare i nei più atipici di quanto non sarebbero su cute non abbronzata“.

 

Posted in dermatologia, Informazioni, novità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *